IL MERCATO TRIESTE: un luogo di incontro per il quartiere

Un nuovo look per il Mercato Trieste a via Chiana, uno dei tanti mercati storici della capitale, la cui apertura risale al 1956 e che accoglie ancora oggi operatori che lavoravano su strada prima della sua costruzione. Oggi il mercato conta una sessantina di operatori attivi, più altre 10 postazioni che verranno a breve assegnate attraverso procedure di bando. Di recente il mercato Trieste è stato oggetto di ristrutturazione architettonica e impiantistica per adeguarlo alle normative sulla sicurezza. Sono stati inoltre ridisegnati gli stalli del settore ortofrutta e creata un’area destinata a ospitare eventi aggregativi, culturali e sociali.
In quest’ottica, grazie all’iniziativa degli operatori e del Presidente Amedeo Valente, nasce anche il Progetto Dopomercato, il cui scopo e dare vita a momenti di aggregazione attraverso incontri musicali serali da vivere nel suggestivo contesto del mercato serale. Dal giorno dell’inaugurazione, avvenuta lo scorso 11 gennaio, ogni giovedì alle ore 21 ci sarà un incontro con la musica jazz (giovedi jazz) e si potrà consumare il cibo sul posto. Inoltre a partire dal 22 febbraio anche di sabato si aprirà un momento musicale dedicato ad Ugo Forno, un partigiano bambino ucciso dai tedeschi durante la seconda guerra mondiale, un abitante del quartiere. La piazza creata al centro del mercato, dove è possibile scambiare gratuitamente libri e dove è presente un pianoforte messo a disposizione per chiunque volesse suonare, verrà utilizzata inoltre per diversi scopi, tra cui show cooking, eventi solidali, presentazioni di libri.
AMUSE è presente con la raccolta dei tappi del Progetto TAPPIAMO, il cui ricavato va alla CARITAS e organizzerà alcune iniziative rivolte agli abitanti e ai bambini legate al Progetto DONA UN ALBERO AL TUO QUARTIERE.