Come è nato il Progetto

Intervista ad un Socio AMUSE che ha partecipato alla nascita del Progetto TappiAmo.

“L’idea del Progetto nasce occasionalmente a Settembre 2011, durante un incontro presso la Casa Famiglia Caritas di Villa Glori in cui veniamo a sapere che si può ricavare un piccolo valore dalla vendita dei tappi di plastica. Apprendiamo inoltre che la Caritas di Villa Glori (in collaborazione con la Parrocchia di San Frumenzio) partecipa ad una iniziativa per la costruzione e la manutenzione di una struttura che cura malati di AIDS in Mozambico (qui trovi il link per vedere una foto della posa della prima pietra della casa famiglia, oppure potrai leggere qualcosa in più sul progetto andando all’indirizzo: http://www.mozambico.sanfrumenzio.it/

Unire i due fatti ci sembra logico e il progetto TappiAmo è la realizzazione di quella intuizione.

L’idea ci appassiona e il valore modesto che ci è stato annunciato per ogni chilogrammo di tappi raccolti (meno di 20 centesimi), non ci scoraggia. Capiamo subito che l’operazione avrà un grande significato se saprà essere su base “volontaria” (non ci sono certo margini neanche per un modesto recupero delle spese sostenute) e se saprà assumere una dimensione “industriale”.

Attraverso i nostri Soci (che parteciperanno anch’essi mettendo da parte i tappi) e sfruttando la diffusa rete dei contatti della Caritas, dovremo quindi saper raggiungere realtà commerciali (ristoranti e bar in primis) ma anche luoghi pubblici o privati (ASL, scuole, circoli sportivi, condomini,…) dove si fa un uso consistente di bottigliette di plastica. Insomma là dove si aprono tante bottiglie e si buttano tanti tappi.

Alle strutture che vorranno partecipare al Progetto consegniamo un kit: un contenitore per la raccolta dei tappi, gentilmente fornito dalla ditta SC Impianti srl che fornisce, fra l’altro, distributori per acqua refrigerata, personalizzato con un adesivo che illustra gli obiettivi dell’iniziativa e una lettera di presentazione del Progetto, che descrive le modalità della raccolta.

L’Associazione Casaliò ci ha offerto i suoi locali per lo stoccaggio iniziale dei contenitori ed il deposito dei tappi ritirati, prima della consegna alla Caritas di Villa Glori, che tiene sotto controllo tutto il raccolto e ci fornisce il suo supporto per finalizzare, in fine, la vendita vera e propria.

Il Progetto TappiAmo è stato ufficialmente presentato il 22 Ottobre 2011 presso la Casa Famiglia Caritas di Villa Glori ed il giorno dopo ha fatto la sua prima comparsa in pubblico al mercatino del Giardino delle Belle Arti, dove AMUSE aveva un suo stand.

A Novembre 2011 è iniziata la distribuzione dei contenitori. L’avventura ha avuto inizio!”