Archivi autore: Pietro Rossi Marcelli

Roma2pass nel palazzo della Marina Militare Italiana

Venerdi 22 marzo alle 17:30, Roma2pass ha condotto una quarantina Soci AMUSE in una avvincente visita nel Palazzo della Marina, praticamente un viaggio nella storia della Marina Militare Italiana. La nostra guida è stata la bravissima  dott.ssa Desirèe Tommaselli.
Per saperne di più e vedere la galleria delle foto andare alla Pagina dell’evento

Condividi:

Le pietre d’inciampo nel Municipio II

Mercoledì 27 marzo alle 18:00, nella splendida cornice di Palazzo Borromeo, sede dell’Ambasciata d’Italia presso la Santa Sede in viale delle Belle Arti 2, si tiene un incontro sulle Pietre d’inciampo e sulla tragedia vissuta nel 1944 dagli ebrei romani, con Fernando Tagliacozzo e Adachiara Zevi. La durata è di circa 90 minuti. La partecipazione è gratuita e aperta a tutti. La prenotazione, entro il 20/3, è obbligatoria e personale e deve esser fatta o sulla Pagina dell’evento o scrivendo a pier.bellagamba@alice.it.

Condividi:

Roma2pass nel palazzo della Marina Militare Italiana

Venerdi 22 marzo alle 17:30, la dott.ssa Desirèe Tommasell condurrà i Soci AMUSE in una avvincente visita nel Palazzo della Marina, praticamente un viaggio nella storia della Marina Militare Italiana. Appuntamento all’ingresso delle ancore a lungotevere delle Navi.
La durata è di circa 90 minuti. La partecipazione è gratuita. L’evento è riservato ai Soci in regola con il pagamento della quota annuale e a chi si iscrive ad AMUSE (per associarsi o associare un’altra persona basta compilare online il modulo di adesione. al termine della compilazione il modulo e perfezionare l’iscrizione versando la quota sociale annuale di € 15,00 prima dell’evento). La prenotazione è gradita.
Per saperne di più ed eventualmente prenotare, andare alla Pagina dell’evento

Condividi:

Le pietre d’inciampo nel Municipio II

Mercoledì 27 marzo alle 18:00, nella splendida cornice di Palazzo Borromeo, sede dell’Ambasciata d’Italia presso la Santa Sede in viale delle Belle Arti 2, si tiene un incontro Roma2pass sulle Pietre d’inciampo e sulla tragedia vissuta nel 1944 dagli ebrei romani, con Fernando Tagliacozzo e Adachiara Zevi.
La durata è di circa 90 minuti. La partecipazione è gratuita e aperta a tutti. La prenotazione, entro il 20/3, è obbligatoria e personale e deve esser fatta o sulla Pagina dell’evento o scrivendo a pier.bellagamba@alice.it.

Condividi:

ROMA2PASS: DA VILLA BORGHESE A VILLA GIULIA. UN PERCORSO NEL PARCO DELLA CULTURA

Martedì 12 marzo alle 17:45 nella Sala della Fortuna del Museo Nazionale Etrusco, la dott.ssa Alberta Campitelli terrà una conferenza sulParco della cultura” un eccezionale concentrazione di verde, di arte, di storia tra Villa Giulia, Villa Borghese, ma anche Villa Poniatowski e Villa Strohl Fern.
La durata è di circa 90 minuti. La partecipazione è gratuita. L’evento è aperto a tutti. La prenotazione è gradita.
Per saperne di più ed eventualmente prenotare, andare alla Pagina dell’evento.

Condividi:

PROSSIMI EVENTI ROMA2PASS

Per saperne di più ed eventualmente prenotare, cliccare sull’evento.

 

Condividi:

UNA PASSEGGIATA FUORI PORTA DEL POPOLO

Sabato 2 marzo alle 10:00, Pietro Rossi Marcelli ci condurrà in una passeggiata Roma2pass che ci racconta la storia millenaria del primo tratto della via Flaminia, quell’area che per secoli è stata chiamata ” fuori Porta del Popolo”.

Per saperne di più ed eventualmente prenotare, andare alla pagina dell’evento. Per conoscere i prossimi eventi Roma2pass cliccare qui.    

La partecipazione è gratuita. L’evento è aperto a tutti. I Soci possono invitare amici interessati alle iniziative Roma2pass. La prenotazione è gradita. Per prenotare, andare nella pagina-evento dopo aver fatto Login. In caso di problemi, scrivere a roma2pass@gmail.com precisando il problema. (Perchè prenotare è conveniente).

Il percorso inizia a piazzale Flaminio davanti a Porta del Popolo e ci permette, attraverso racconti di vita vissuta e qualche cenno storico e architettonico, di rivivere ciò che avvenne in questo slargo nei secoli, facendo prendere vita ad alcuni personaggi che da qui sono entrati e usciti. Andiamo poi davanti ai Propilei Neoclassici di Villa Borghese dove parliamo del principe rivoluzionario Camillo Borghese e del famigerato Muro Torto. Imbocchiamo la via Flaminia e qui l’itinerario è ricco di informazioni sui luoghi davanti a noi e sulla loro storia: l’antica Locanda dei Tre Re, il grande portale barocco oggi al Campidoglio, l’Osteria dei Pittori, la Ghiacciaia Peroni, che oggi ospita la facoltà di Architettura della Sapienza. In un vicolo cieco, via Mariano Fortuny, vedremo quanto resta della Fabbrica degli Omnibus e le case degli artisti arrampicate sul versante della collina. Lì ritroveremo il vicolo delle Grotte, ormai chiuso e solitario ma ancora intatto con la sua atmosfera di altri tempi. L’esplorazione continua sulla via Flaminia passando davanti ad Explora, il museo-città a misura di bambino, all’imponente Palazzo Marina del Ministero della Difesa, all’incomprensibile Borghetto Flaminio, un’area ancora piena di auto-carrozzerie e spazi abbandonati che non è ancora riuscito a trovare una destinazione degna della sua posizione. Attirati da un dolce suono di strumenti musicali, entriamo in una villa sulla Flaminia: è la Casina Vagnuzzi sede di un’antica istituzione, l’Accademia Filarmonica Romana, e nel suo giardino incantato dove la frenetica vita cittadina sembra non riuscire ad entrare. Più avanti troviamo lo Studio Fortuny, con il grande sepolcro di Lucio Aufidio nelle sue viscere e parleremo di una piccola e suggestiva stradina e di una fontana che per due secoli non trovava tregua, siamo nell’area detta Quartiere dei Notai, prima di arrivare a via di Villa Giulia, dove l’itinerario termina.

Video di presentazione dell’itinerario (2013), voce narrante Margherita Di Rauso, immagini a cura di Massimo Tallarigo.

La passeggiata è illustrata nel libro Via Flaminia, da Porta del Popolo a Belle Arti, 2018, Palombi editori.

 

Taggato . Aggiungi ai preferiti : Permalink. Modifica
Condividi:

Un luogo che non ti aspetti a cinquanta metri da piazza del Popolo

Mercoledì 27 febbraio alle 18:00 siamo attesi in via Flaminia 58 (vicino al mercato rionale) per visitare un luogo unico:  il borghetto dove hanno i loro studi gli artisti dell’Associazione Operatori Culturali Flaminia 58. Vedremo i loro studi, la mostra  di un’artista austriaca, Sabine Müller-Funk e ci affacceremo sul vecchio vicolo delle Grotte ormai chiuso e solitario.

Per saperne di più e prenotare andare alla pagina dell’evento.  

In via Flaminia sopra il negozio della Bambole, c’è una casetta rossa di proprietà comunale. Guardando meglio si vedono altre case, in pratica un mini villaggio sorto a cui si accede dal civico n. 58. Se si entra dal cancello e si salgono pochi gradini, l’atmosfera cambia completamente: da una via urbana siamo passati a un viottolo di campagna tra arbusti, fiori e alberi. Intorno a noi, ci sono piccoli manufatti addossati tra loro e intatti in quanto sono stati difesi ininterrottamente dagli anni Trenta, da architetti, pittori e artisti che li hanno eletti come propri atelier.  Al centro una minuscola piazzetta chiamata piazza del Fico, ormai solo un ricordo del grande fico che proteggeva con la sua ombra tutto il borghetto. Il precursore è stato l’arch. Tullio Dall’Anese che prende in affitto il casale nel 1933 dai Piccolomini Blank, ne fa il suo studio e subaffitta i restanti locali come studi. In ottanta anni, un centinaio di artisti è passato da qui: tra essi il pittore Franco Gentilini, lo scultore Venanzo Crocetti, il pittore Ugo Attardi. Qui ha la sede la Galleria Bruno Lisi in cui si apre la mostra  di un’artista austriaca, Sabine Müller-Funk.
Da uno degli studi ci potremo affacciare su via delle Grotte, una stradina che iniziava dallo spiazzo fuori Porta del Popolo e correva lungo la base dell’altura su cui oggi sorge Villa Ruffo parallelo alla via Flaminia. Il suo nome deriva dalle numerose grotte che si aprivano nel fianco della collina a destra del vicolo.

Ringraziamo gli artisti dell’associazione AOCF58 che gentilmente ci accolgono nei loro atelier (sito dell’associazione AOCF58).

La partecipazione è gratuita.
L’evento è riservato ai Soci in regola con il pagamento della Quota annuale e a chi si iscrive ad AMUSE (per associarsi o associare un’altra persona basta compilare e inoltrare il modulo di adesione. Per perfezionare l’iscrizione bisogna versare la quota sociale annuale di € 15,00) prima dell’evento.
La prenotazione è gradita (Perchè prenotare è conveniente). Per prenotare,  andare alla pagina dell’evento, fare Login,  cliccare sul pulsante in fondo alla pagina “Invia la tua partecipazione”. In caso di problemi con il Login scrivere a roma2pass@gmail.com precisando il problema.

Si prega coloro che scatteranno delle foto durante l’evento di pubblicarle su Instagram con l’hashtag #roma2pass oppure inviarle a roma2pass@gmail.com in modo che possano essere pubblicate.  Per saperne di più leggi qui.

Condividi:

Un tuffo all’inizio Novecento nel Museo Boncompagni Ludovisi

Mercoledì 20 febbraio alle 16:00 i Soci AMUSE sono attesi al Museo Boncompagni Ludovisi per le Arti Decorative, il Costume e la Moda dei secoli XIX e XX, per un piacevole viaggio nella moda e nel gusto italiano, tra opere d’arte di maestri contemporanei e creazioni di stilisti che hanno fatto la storia della moda.

PARTECIPAZIONE GRATUITA.

EVENTO RISERVATO AI SOCI E A CHI SI ISCRIVE AD AMUSE (Per associarsi o associare un’altra persona basta compilare il Modulo di Adesione. Al termine della compilazione il modulo sarà automaticamente inoltrato allo staff AMUSE. Per perfezionare l’iscrizione, prima dell’evento, bisogna versare la Quota sociale annuale di € 15,00).
PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA per massimo 25 persone. Per prenotare andare nella pagina dell’evento e, dopo aver fatto Login, cliccare sul tasto “Invia la tua prenotazione”. In caso di problemi con il Login scrivere a roma2pass@gmail.com precisando il problema.

Il villino che ospita il museo è dell’inizio del Novecento apparteneva alla famiglia Boncompagni Ludovisi ed è stato destinato a Centro di promozione e documentazione delle Arti decorative, della Moda e del Costume, inteso come evoluzione del gusto sociale nel periodo moderno. Un filo conduttore unisce questi distinti ambiti culturali ed è la storia del gusto per la bellezza e la qualità di realizzazione dei prodotti. Mobili, arredi, abiti, accessori di moda tracciano il percorso della ricerca di decoro e di agio nella società italiana, in particolare del Novecento. L’unione di genî creativi e di esecutori d’eccellenza nell’uno e nell’altro caso hanno determinato la crescita e il culto del made in Italy. Registrando l’evoluzione dei tempi, le collezioni del Museo Boncompagni Ludovisi testimoniano il riconoscimento del valore storico e artistico di oggetti e opere che in origine erano destinate a un uso privato e oggi sono disponibili alla fruizione pubblica.

Per la visita ringraziamo la dott.ssa Matilde Amaturo  del Polo Museale del Lazio, del Mibac.

Sito ufficiale: pm-laz.museoboncompagni@beniculturali.it

Condividi:

La fabbrica del gas e gli aerostati a Valle Giulia

Mercoledì 13 febbraio alle 18:00, nella sala della Fortuna di Villa Giulia, si terrà una Conferenza Roma2pass a nel 2019 sul passato industriale del quartiere Flaminio a pochi metri dalla Villa.

Utilizzando un divertente filmato su un’avventura in aerostato di inizio secolo, con il decollo vicino al fiume dove ora corre lungotevere delle Navi, il dott. Giannetto Valli e il prof. Piergiorgio Bellagamba ci racconteranno come, a inizio Novecento, l’industrializzazione sconvolge la zona fuori Porta del Popolo fino allora caratterizzata da ville nobiliari e campi coltivati.

Per approfondire consultare le pagine della Banca Dati Roma2pass relative al passato industriale del quartiere Flaminio, quali le Officine Fumaroli, la Fabbrica del Ghiaccio, la Fabbrica degli Omnibus, il Borghetto Flaminio, la Conceria Riganti, la Carrozzeria Maraga, la Società del Gas, il Gazometro, Villa Oblieght, la Società Automobili Roma e le Caserme di via Guido Reni che erano anch’esse degli stabilimenti di produzione.

La partecipazione è gratuita.
L’evento è aperto a tutti fino ad esaurimento posti.
La prenotazione è gradita. Per prenotare andare in fondo alla pagina dell’evento dopo aver fatto Login oppure scrivere a roma2pass@gmail.com precisando l’evento e relativa data.

Per saperne di più e prenotare, andare alla pagina dell’evento.

Condividi: