Archivi autore: Federica Alatri

Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia: le Associazioni scrivono al Ministro

Secondo notizie apprese dalla stampa, il Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia sarebbe compreso tra i quattro, nel complesso dei trentadue Musei e Siti monumentali resi “autonomi” dalla precedente riforma, per i quali si propone una modifica delle condizioni di autonomia.

La proposta infatti causa incertezza nelle strategie del Museo che, grazie a queste condizioni di autonomia, negli anni 2018 e 2019, attraverso un avviso pubblico, ha accolto e ospitato nei propri spazi AMUSE e moltre altre Associazioni per attività proprie di ciascuna di esse: conferenze, convegni, incontri, mostre, laboratori, visite guidate, rassegne, spettacoli, attività formative, presentazione di libri e ricerche, workshop, concerti.

AMUSE, con le altre Associazioni coinvolte, ha dunque promosso una lettera aperta indirizzata al Ministro Bonisoli e una raccolta di firme, chiedendo di mantenere le condizioni organizzative proprie dell’autonomia del Museo stesso, considerando quanto  tali condizioni abbiano consentito al Museo Etrusco di Villa Giulia di mettere in evidenza la eccezionalità del patrimonio culturale che esso presenta.

Lettera aperta

https://www.change.org/p/alberto-bonisoli-villa-giulia-che-mantenga-la-sua-autonomia-per-valentino-nizzo-direttore-esemplare?recruiter=false&utm_source=share_petition&utm_medium=facebook&utm_campaign=psf_combo_share_initial&utm_term=psf_combo_share_initial&recruited_by_id=2605ddf0-9503-11e9-b3d0-f9bdf8668439&share_bandit_exp=initial-16258153-it-IT&share_bandit_var=v1&utm_content=fht-16258153-it-it%3Av4

 

Condividi:

I rifiuti a Roma: un tema all’ordine del giorno

Le criticità che riguardano la gestione dei settore dei rifiuti a Roma, dal conferimento alla raccolta e al trattamento, sono sotto gli occhi di tutti, dando vita a numerose iniziative da parte delle Associazioni e dei Comitati di cittadini che partecipano attivamente alla vita sociale della città, con l’obiettivo di fornire il proprio contributo in termini di idee, proposte e iniziative.
E’ proprio in questa ottica che AMUSE ha organizzato recentemente un incontro sulla “Gestione dei rifiuti a Roma”, in occasione del quale sono stati forniti dati e informazioni di grande interesse, riguardanti anche il confronto con altre città e paesi esteri.
Ed è sempre in questa ottica che AMUSE ha definito la propria posizione sulla proposta di ZEROWASTE (una Delibera di iniziativa popolare) mettendo in evidenza come le Associazioni debbano evidenziare temi, problemi e principi lasciando alle Istituzioni competenti, Comune di Roma e AMA, il compito di effettuare le scelte di pianificazione e programmazione tecnica e economica da cui derivare le soluzioni tecniche di dettaglio, consentendo così ai cittadini e alle Associazioni il diritto/dovere di esprimere le proprie valutazioni rispetto agli obiettivi fissati.
Solo in tal modo risulta possibile rispettare le competenze dei diversi soggetti in campo e coinvolgere, in modo consapevole, il più ampio numero possibile di Associazioni e Comitati cittadini.
AMUSE ritiene che sia necessario fornire risposte concrete alla situazione attuale non solo nel lungo termine, ma anche nei tempi brevi, che presentano condizioni di notevole degrado per la città.
L’Associazione ritiene che ciò possa avvenire attraverso un nuovo Piano industriale di AMA, che attui l’indirizzo specifico di conseguire l’autosufficienza gestionale dei rifiuti urbani  e di utilizzare in pieno le risorse  esistenti in termini di “addetti”, che risultano peraltro sovradimensionati a confronto con altre Aziende che operano in città italiane e europee. A titolo di esempio, AMA ha un bacino di 2.800 utenti e dispone di 7.800 addetti: AMSA Milano: bacino 2.400.000 utenti (Milano + 14 comuni limitrofi) 3.300 addetti   – AMIAT Torino: bacino 1.000.000 utenti, 1.500 addetti  – ASIA Napoli: bacino 1.000.000 utenti, 2.200 addetti.
E’ evidente come la soluzione del problema dei rifiuti (così come avviene in numerose altre città europee e italiane) imponga una pianificazione a livello di Città Metropolitana, che superi la dimensione comunale.
In questo quadro non ha senso affrontare il problema come semplice decentramento delle decisioni all’interno del Comune di Roma Capitale, costituendo una “AMA” per ognuno dei 15 Municipi, così come indicato nella proposta di Zero Waste.
Il necessario coinvolgimento degli stessi, come Istituzione più vicina ai cittadini, per monitorare la situazione e garantire il raggiungimento degli obiettivi, può già avvenire attraverso gli “Osservatori” previsti che vanno potenziati e dotati degli strumenti necessari.

In aggiunta ai rilievi sopra esposti, la proposta di Delibera non ci convince per alcune problematiche lasciate in sospeso. In particolare:

Continua a leggere

Condividi:

SAVE THE DATE! AMUSESTATE 2019 martedi 25 giugno a Villa Glori

Martedì 25 giugno, a partire dalle ore 18, alla Caritas di Villa Glori, torna AMUSESTATE, l’evento sociale di AMUSE per salutarci prima della pausa estiva e affrontare alcuni dei temi che ci stanno a cuore.

Quest’anno siamo lieti di ospitare l’intervento del Prof. Carlo Blasi, Direttore scientifico del Centro di Ricerca Interuniversitario “Biodiversità, Servizi ecosistemici e Sostenibilità (CIRBISES)”, presso l’Università La Sapienza di Roma e Presidente della Fondazione per la Flora d’Italia della Società Botanica Italiana, sulle “Foreste urbane” e fare il punto su alcuni dei progetti che l’Associazione sta portando avanti, tra i quali “Dona un albero al tuo quartiere” e Roma2Pass.

Seguirà un aperitivo offerto dai Soci e dalle Socie di AMUSE, a cui vi inviatiamo a contribuire con le vostre specialità!

L’evento è aperto a tutti. Vi aspettiamo!

Come arrivare
-a piedi: ingressi pedonali da viale Maresciallo Pilsudski e da piazzale del Parco della Rimembranza (salite fino in cima dove trovate il cancello della Casa Famiglia Caritas, suonate il citofono e chiedete di AMUSE)
-in auto: accesso carrabile in via Venezuela 27 (Largo Indira Gandhi al Villaggio Olimpico).


 

Condividi:

Good Deeds Day: sabato 6 aprile recuperiamo via Jacovacci!

RECUPERIAMO VIA JACOVACCI!
AMUSE partecipa all’iniziativa promossa dal Comitato Don Minzoni e Retake Roma Parioli_Pinciano che si terrà SABATO  6 aprile, dalle ore 8,30, in occasione del Good Deeds Day.
Insieme per il bene comune – Good Deeds Day è una manifestazione internazionale nata per diffondere la solidarietà e la pratica delle “buone azioni” in una giornata dedicata a questo, in tutto il mondo.
La manifestazione ha ricevuto la medaglia della Presidenza della Repubblica, riconoscimento straordinario del Capo dello Stato.

Condividi:

Assemblea cittadina sulla gestione dei rifiuti

Riceviamo e pubblichiamo l’INVITO all’assemblea cittadina 29 marzo per la presentazione della proposta di iniziativa popolare per Roma “Per la gestione decentrata e partecipata dei rifiuti urbani di Roma” che si terrà Venerdì 29 marzo ore 17,00 – Aula consiliare Municipio Centro via della Greca n. 5.
L’assemblea, indetta dal Comitato promotore DeLiberiamoRoma, intende ragionare insieme su un PIANO DI AZIONE che veda insieme portavoce istituzionali romani e laziali, cittadini organizzati (associazioni – comitati – gruppi civici), sindacati e lavoratori di AMA, basato sui principali punti seguenti:
-DELEGARE AI MUNICIPI ALCUNI POTERI SUI RIFIUTI
-DECENTRARE AMA SPA NEI MUNICIPI
-ATTUARE UN PERCORSO DI PARTECIPAZIONE POPOLARE entro il 2019, che parta dalla bozza di Regolamento comunale depositata in Commissione capitolina ambiente, per l’istituzione dei quindici Osservatori Municipali e dell’Osservatorio Comunale verso rifiuti zero già previsti nella vigente Delibera AC n. 129/2014.
La bozza di proposta di deliberazione di iniziativa popolare è scaricabile dal sito web www.deliberiamoroma.it.
Info: deliberiamoroma@gmail.com
leggerifiutizero@gmail.com

Condividi:

Meo Patacca a teatro

Abbiamo il piacere di segnalare lo spettacolo teatrale che vede la presenza della nostra Socia Corinna Angiolino.
Si tratta della terza puntata della saga di Meo Patacca “er bullo romano che più bullo nun ce sta”, una commedia musicale, ambientata nella Roma del Seicento, al teatro Viganò (Prati Fiscali) . Le prime due puntate della triologia hanno ottenuto un bel successo: divertente, rilassante.
Segnaliamo che per i soci AMUSE è possibile avere il biglietto scontato a 15 euro purché prenotino con anticipo. Se  il numero fosse consistente si può ottenere una ulteriore riduzione.

Le prenotazioni sono aperte e i posti vanno a ruba: potete scrivere a corinna.angiolino@gmail.com

 

Condividi:

Sabato 23 marzo: intervento di pulizia a Valle Giulia!

Sabato 23 marzo, dalle ore 8.30 alle 13.30, il Comitato Piazza Don Minzoni, Retake Roma, AMUSE, ANTA e l’Associazione “Margherone fa cose” organizzano il terzo intervento di pulizia a Valle Giulia, da Viale delle Belle Arti (altezza viale Bruno Buozzi) al Museo Etrusco, che versa in uno stato drammatico.Tutti i marciapiedi e la parte del verde tra Belle Arti e Bruno Buozzi sono una selva incolta piena di rifiuti.
Sabato scorso abbiamo effettuato un grande lavoro di recupero dei Gia rdini tra piazza Simon Bolivar, il boschetto adiacente il Caffè delle Arti (un lavoro davvero impegnativo perché ridotto ad una vera e propria giungla), le scale del Caffè e la scalinata che scende su Thorvaldsen. Saranno necessari altri interventi oltre all’impegno di manutenerlo nel tempo.
Avremo il supporto di AMA come sabato scorso, indispensabile soprattutto per portare via l’enorme quantità di residui vegetali e di rifiuti.
Abbiamo bisogno di essere in tanti per farcela e, se lo saremo, andremo avanti oltre il Museo (il nostro obiettivo è quello di recuperare tutto il viale fino alla GNAM).
Vi aspettiamo…. aspettiamo i vostri amici o le persone che potete
coinvolgere……gruppi, studenti universitari ……chiunque voglia impegnarsi! Le attività sono di vario genere, anche solo occuparsi delle relazioni con i passanti che si fermano a chiedere informazioni.
Anche se non abitate in zona venite a dare una mano, anche solo per un’oretta o tutta la mattinata. Abbiamo bisogno di recuperare questo viale e non vederlo mai più cosi!
Marzo a Valle Giulia/3

Condividi:

“Potature fai da te”: qualche precisazione

Pubblichiamo un interessante articolo apparso sul sito di Carteinregola, dal titolo “Caro Messaggero, il Regolamento del Verde è una cosa seria” di Paola Loche, del Gruppo Verde di Carteinregola.
“All’affermazione contenuta nell’articolo citato del 2 marzo,  laddove si dichiara che ” La filosofia è chiara: se l’albero sotto casa non viene toccato da una cesoia da chissà quando e le frasche si sono allungate minacciosamente, il comune cittadino – o un comitato di quartiere – può «adottarlo» e dargli una sforbiciata lui. Può sembrare una boutade, ma la proposta è contenuta nel nuovo “Regolamento del verde e del paesaggio urbano di Roma Capitale” .
Paola Loche, del Gruppo Verde di Carteinregola,  precisa:
-l’art. 10  “Adozione di alberi e alberate” del regolamento del verde pubblico e privato e del paesaggio urbano, approvato dalla Giunta Comunale, consta dei seguenti commi:
1. È consentita l’adozione di alberi e alberate, nei limiti stabiliti dalla normativa vigente, a richiesta, da parte di cittadini singoli o in forma associata, nonché da ordini professionali.
2. L’oggetto dell’adozione consiste nella formale assunzione dell’impegno da parte del soggetto adottante a mantenere, per un periodo di tempo determinato, la cura dell’albero e/o degli alberi secondo un livello quali­ quantitativo di interventi, conforme a standard definiti nell’apposito disciplinare manutentivo concordato in base alla tipologia di albero.
3.  La richiesta di adozione di cui al comma 1 deve essere accompagnata da documentazione attestante il possesso delle competenze necessarie per gli interventi sugli alberi in capo all’adottante o a terzi cui viene affidata la gestione e copertura assicurativa per infortuni.
4.  Sono a carico dell’adottante gli oneri per la copertura assicurativa per responsabilità civile verso terzi per eventuali danni causati dagli alberi in adozione nonché gli oneri per assicurazione per tutti i danni ed infortuni di qualsiasi natura eventualmente subiti, manlevando l’Amministrazione Capitolina da ogni pretesa e/o azione risarcitoria.
Di conseguenza nessun cittadino può “sforbiciare” a piacimento. Sarà necessario attenersi alle tipologie di intervento concordate con l’amministrazione e la richiesta di adozione dovrà  essere accompagnata da documentazione attestante il possesso delle competenze necessarie per gli interventi sugli alberi in capo all’adottante o a terzi cui viene affidata la gestione.
Continua a leggere

Condividi:

Interventi di pulizia e decoro. SAVE THE DATE!

Proseguono le iniziative di pulizia e di ripristino del decoro nei quartieri del Municipio II, promosse e organizzate da AMUSE insieme al Comitato Piazza Don Minzoni, a Retake Roma, ANTA e “Margherone fa cose”.
Dopo sabato scorso numerosi sono gli appuntamenti dei prossimi mesi:

-sabato 23 marzo a Valle Giulia
-sabato 6 aprile in occasione del Good Deeds Days a via Jacovacci
-sabato 13 aprile piazzale Simon Bolivar
-sabato 11 maggio salita San Valentino
-fine maggio Piazzale Simon Bolivar.

Per chi vuole informazioni può scrivere a info@associazioneamuse.it e seguirci sulla pagina FB Giardino delle Belle Arti
Condividi:

IL REGOLAMENTO DEL VERDE E DEL PAESAGGIO DI ROMA CAPITALE

E’ stata approvata a gennaio 2019 dalla Giunta di Roma Capitale la proposta di Deliberazione da sottoporre all’Assemblea capitolina riguardante il “Regolamento capitolino del verde pubblico e privato e del paesaggio urbano di Roma Capitale”.
Il Regolamento, oltre a contenere principi e disposizioni generali (oggetto e finalità, responsabilità, coinvolgimento del cittadino) detta le norme e i criteri di intervento per la realizzazione, la progettazione e la tutela del verde, per i parchi e i giardini di pregio storico, architettonico e ambientale, le modalità di fruizione dei parchi e dei giardini pubblici e definisce le sanzioni e le procedure di ripristino in caso di trasgressioni.
Alla predisposizione del Regolamento, che è passato nei Municipi per eventuali osservazioni e in Commissione Ambiente e che dovrà approdare al Consiglio comunale, hanno partecipato numerose Associazioni e Comitati cittadini, compresa AMUSE, che hanno offerto un contributo fattivo nel corso del lungo e impegnativo percorso.
Rimane tuttavia aperta la questione legata alle responsabilità e dei volontari che partecipano alla gestione del verde e la necessità di approntare il Piano del verde, che con le dimissioni dell’Assessore all’Ambiente, ha subito un arresto.
Regolamento Verde e Paesaggio – Proposta Giunta gennaio 2019


Condividi: